.
Annunci online

  Calibano [ TERMOVALORIZZATORE DI FOSSILI ONIRICI ]
         

   

                GLI EDITORIALI

       DEL CALIBANO

   (PIERGIORGIO WELBY)

Io amo la vita: la storia di Piero e Mina Welby - trailer

 

      

http://www.ibs.it/code/9788876153372/welby-piergiorgio

-lioce/ocean-terminal.html  - 15%

in e-book a € 7.49

Un vero regalo di Natale!  

               

 http://www.desistenzaterapeutica.it/


 

Welby Un atto di giustizia
Riccio Disinformazione medica e

vigliaccheria politica

  http://testamentobiologico.
ilcannocchiale.it/?r=151504

Riproduci   vivavoce230708
 

            

                  
       Radical italiani
     www.ignaziomarino.it

Il grande fratello 
dei falchi pellegrini e non solo


 

Album di Aria e Vento 2007


Vestivamo alla
marinara 2006
(copyright by Welby)

       
   
Sostieni il progetto di AMREF in SUD SUDAN
con AGIRE per l'AFRICA »      





un sorriso
contro la violenza

azione blog iniziata da
Galatea


L'onore dipende spesso
dall'ora che segna l'orologio.
Guillaume Apollinaire
------------------------------------


Calibano: la terra, il fango,
le viscere, la passione cieca,
l'incognito, il caos, la paura,
il talento primordiale, virile,
erotico che spesso vibra di febbre
e non ha bisogno di luce né di parola.
La carne, l'anima, lo spirito insieme
in un ultimo viaggio; prima della
separazione, della libertà di scegliere
un nuovo luogo, un nuovo corpo da
,o dove addormentarsi, come
dice Ariel, sotto un fiore



-------------------------------------
 
IL MARATONETA
  LUCA COSCIONI
    scarica il libro
-------------------------------------
http://www.radio.rai.it/radio
3/lastoriaingiallo/archivio_
2007/audio/storia_giallo2007
_09_22.ram



Audiolibri per nonvedenti

e ipovedenti
http://www.libroparlatolions.it/




Medici Senza Frontiere
               
                
  
       Un momento del V-Day 2007 a Bologna

       "Amore civile" - Nuove forme 
     di convivenza e relazioni affettive


logo EDF / logo FEPH
 

 

         HandyLex
        Superando.it 

        

         

emergenza kenya
      


      
Cristo! come eravamo ridicoli
io e il Nuvola mentre seguivamo
il furgone mortuario del Comune
…ti saresti divertita, cazzo!…
noi sulla circonvallazione
a cambiare la candela sporca
e la tua bara grigio topo gettata
nel cimitero di Prima Porta
…ti saresti divertita, cazzo! …
così come ti divertivi da sballo
a fare l’autostop sulla Colombo
per rubare una giornata alla
disperazione
e sbatterla sulla spiaggia di
Capocotta….
…io e te…confusi tra gli altri
che lanciavano la loro allegria
sugli asciugamani colorati della
fantasia
…io e te…la sera nel vagone
del treno…
ad assaporarci il sale sulle labbra,
a scandalizzare quelle facce
di cartapesta imbolsite dal sopore,
…io e te…ad inventare equilibrismi
sulla corda tesa del pudore ma…
con la mente già chiusi in
quella stanza.
Che assurdità quel grattacielo
di morti murati dietro quei marmi
di fiori appassiti e nomi dimenticati.
Ti lasciammo tra i crisantemi gialli
rubati ad un disgraziato tuo vicino
e l’odore di cera e fiori marciti…
andammo via tirando calci ad
una Pepsi
e cantando All along the watch
tower…
cantavamo forte per non piangere,
forse,
..io non ho pianto…ma,…
una volta tornato in quella stanza,
ho passato la notte alla finestra,
tutta la notte a guardare
il fumo leggero della Marlboro
che mi bruciava gli occhi
e lo scorrere lento dei vagoni.
(P. Welby, 

 

All Along The Watchtower 
dalla raccolta -Natiche Sadiche-)

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 

 

 

 


18 settembre 2007

XX SETTEMBRE

XX settembre 2005: la restituzione di Porta Pia

Mondo cristiano significa: convivenza umana dove le leggi del cristianesimo sono leggi della società e dello Stato. Il che può essere desiderabile per alcuni, meno o niente per altri. Niente desiderabile anche per un cristiano come Kierkegaard, che anche oggi ripeterebbe quanto aveva scritto, nei Diari, sulla Chiesa: "Si è voluto abolire o spiantare il vero Cristianesimo, il principio che il Cristianesimo si rapporta al singolo, e si sono così prodotte, con la "Religione nazionale e il dio nazionale", delle forme di religione inferiore […]” (1853, X5 A 97).
(E. Severino, Pensieri sul Cristianesimo)

Oggi è il XX settembre, giorno che molti vorrebbero cancellare dal calendario perché ricorda la Breccia di Porta Pia. Eppure, in quei giorni, anche tra la polvere e il fumo delle cannonate era impossibile confondere gli schieramenti: rutilanti gli Zuavj pontifici, camicia di lana blù, coperta di un corto giubbettino di panno azzurro, pantaloni larghissimi rossi, stretti sotto le ginocchia e uose bianche; più dimessi i Bersaglieri del Re. Da una parte c’era chi difendeva il potere temporale della Chiesa e la ghigliottina-benedetta, la sola cosa che il Papa aveva accettato dalla rivoluzione francese, dall’altra chi si batteva per la laicità (un po’ tagliata con l’accetta, ma hora ruit!). Non voglio insinuare che sarebbe molto meglio se i parlamentari nostalgici del Papa Re indossassero la divisa degli Zuavj…però, dovete ammettere che tutto sarebbe più chiaro. Certo rimarrebbero sempre i Ruinelliani e i gli opportunisti che, da esperti navigatori, starebbero sul cassero, pronti a cogliere ogni spiffero di sagrestia per cambiare rotta. È vero, resterebbero, pur sempre, quelli che, obbligati a scegliere tra una divisa e l’altra, opterebbero, ahinoi! per una adamitica nudità. Eppure, si farebbe un po’ di chiarezza, perché ciò che più disorienta il signor Rossi e la casalinga di Voghera sono i tentativi che gli Zuavj fanno per smarcarsi dall’accusa di essere ciò che sono. Se hanno deciso di essere i paladini di una visione del mondo confessionale, antiscientifica, punitiva, codina che, vagheggiando “l’uomo nuovo” (idea fissa dei totalitarismi), calpesta i tanti piccoli uomini comuni che vorrebbero poter unire il rispetto della Legge umana, non divina, con il rispetto delle loro individualità, senza essere segnati col marchio della vergogna da Calderoli, ministro di tutti gli Italiani: “Sono sempre stato un assertore che il riconoscimento delle coppie di fatto sia l'anticamera per un'apertura alle coppie omosessuali e quindi di un atto contro natura” (oggi si sono moltiplicati i marchiatori delle “Pecorelle Smarrite. Nota mia), o dalla Sharia invocata dal Parlamento della CEI, lo dicano apertis verbis e non si coprano di ridicolo nascondendo le pudenda laiche con la foglia di fico che il Card. Ruini li obbliga a indossare, ogni qualvolta mostrino di avere una piccola, e il più delle volte illusoria, erezione libertaria. Continuando così, per entrare in Parlamento, andrà a finire che, invece della cravatta, sarà obbligatorio indossare la foglia di fico d’ordinanza. Resterà scoperto il culo e la cosa non piacerà agli omofobi cacciatori di culattoni che, come il Manzoni risciacquava i panni in Arno, risciacquano la loro oratoria d’avanspettacolo nelle acque inquinate del Po.
E se le coscienze degli Zuavj, un giorno, si dovessero risvegliare al dubbio scettico, ricordino che: “Come la Chiesa rifiuta una democrazia in cui la libertà sia separata dalla verità, e dunque dalla verità cristiana quale è enunciata dalla Chiesa, così essa rifiuta ogni Stato che si presenti come negazione di tale verità. Contro questa forma di Stato, che per la Chiesa è violenza e ingiustizia, è lecita la ribellione. Rifacendosi a Tommaso d'Aquino, il nuovo Catechismo della Chiesa cattolica, diffuso nel 1992, dice che "l'autorità è esercitata legittimamente soltanto se ricerca il bene comune del gruppo considerato e se, per conseguirlo, usa mezzi moralmente leciti. Se accade che i governanti emanino leggi ingiuste o prendano misure contrarie all'ordine morale, tali disposizioni non sono obbliganti per le coscienze". Ma il "bene comune", i "mezzi moralmente leciti" e l'"ordine morale" sono inseparabili dai contenuti della rivelazione cristiana, e quindi in nessuno degli Stati laici del mondo moderno - e anzi, per quanto mi risulta, in nessuno Stato attualmente esistente (fatta eccezione per lo Stato vaticano) - l'autorità è esercitata legittimamente: appunto perché le loro legislazioni si discostano più o meno profondamente dalla verità cristiana.” (op. cit.).

Il Calibano del 20 Settembre 2005


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. chiesa stato libertà

permalink | inviato da Mina vagante il 18/9/2007 alle 22:54 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


sfoglia     agosto        ottobre
 


Ultime cose
Il mio profilo



PORTE CHIUSE
ASSOCIAZIONE LUCA COSCIONI
RADIO RADICALE
COSTITUZIONE REP.ITALIANA
DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI
DIRITTI FONDAMENTALI EU
CONVENZIONE DI OVIEDO
STATUTO DI ROMA CORTE PENALE INTERNAZIONALE
CONVENZIONE ONU DISABILI E LEGGE DI RATIFICA
NUOVI AUTORI
EMMA BONINO
MARIA ANTONIETTA
RADICALI CATANIA
ANTONIO VIGILANTE
LUCA PULINO
DIRITTO
QUADERNI RADICALI
LEGGE 40
NON C'E' PACE SENZA GIUSTIZIA
NESSUNO TOCCHI CAINO
DARFUR
CHIARA LALLI
ANDREA
LIBERALETTURA
malvino
Miss Welby
UILDM
AAAAAPOESIA
METASIA
ISAAC-Comunicazione
Pubbliaccesso
SIAE
TEMPO-MEDICO
CITTADINANZA ATTIVA
TASTIERA VIRTUALE
SUTTORA
VALERIA MANIERI
VIVERE&MORIRE


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom