.
Annunci online

  Calibano [ TERMOVALORIZZATORE DI FOSSILI ONIRICI ]
         

   

                GLI EDITORIALI

       DEL CALIBANO

   (PIERGIORGIO WELBY)

Io amo la vita: la storia di Piero e Mina Welby - trailer

 

      

http://www.ibs.it/code/9788876153372/welby-piergiorgio

-lioce/ocean-terminal.html  - 15%

in e-book a € 7.49

Un vero regalo di Natale!  

               

 http://www.desistenzaterapeutica.it/


 

Welby Un atto di giustizia
Riccio Disinformazione medica e

vigliaccheria politica

  http://testamentobiologico.
ilcannocchiale.it/?r=151504

Riproduci   vivavoce230708
 

            

                  
       Radical italiani
     www.ignaziomarino.it

Il grande fratello 
dei falchi pellegrini e non solo


 

Album di Aria e Vento 2007


Vestivamo alla
marinara 2006
(copyright by Welby)

       
   
Sostieni il progetto di AMREF in SUD SUDAN
con AGIRE per l'AFRICA »      





un sorriso
contro la violenza

azione blog iniziata da
Galatea


L'onore dipende spesso
dall'ora che segna l'orologio.
Guillaume Apollinaire
------------------------------------


Calibano: la terra, il fango,
le viscere, la passione cieca,
l'incognito, il caos, la paura,
il talento primordiale, virile,
erotico che spesso vibra di febbre
e non ha bisogno di luce né di parola.
La carne, l'anima, lo spirito insieme
in un ultimo viaggio; prima della
separazione, della libertà di scegliere
un nuovo luogo, un nuovo corpo da
,o dove addormentarsi, come
dice Ariel, sotto un fiore



-------------------------------------
 
IL MARATONETA
  LUCA COSCIONI
    scarica il libro
-------------------------------------
http://www.radio.rai.it/radio
3/lastoriaingiallo/archivio_
2007/audio/storia_giallo2007
_09_22.ram



Audiolibri per nonvedenti

e ipovedenti
http://www.libroparlatolions.it/




Medici Senza Frontiere
               
                
  
       Un momento del V-Day 2007 a Bologna

       "Amore civile" - Nuove forme 
     di convivenza e relazioni affettive


logo EDF / logo FEPH
 

 

         HandyLex
        Superando.it 

        

         

emergenza kenya
      


      
Cristo! come eravamo ridicoli
io e il Nuvola mentre seguivamo
il furgone mortuario del Comune
…ti saresti divertita, cazzo!…
noi sulla circonvallazione
a cambiare la candela sporca
e la tua bara grigio topo gettata
nel cimitero di Prima Porta
…ti saresti divertita, cazzo! …
così come ti divertivi da sballo
a fare l’autostop sulla Colombo
per rubare una giornata alla
disperazione
e sbatterla sulla spiaggia di
Capocotta….
…io e te…confusi tra gli altri
che lanciavano la loro allegria
sugli asciugamani colorati della
fantasia
…io e te…la sera nel vagone
del treno…
ad assaporarci il sale sulle labbra,
a scandalizzare quelle facce
di cartapesta imbolsite dal sopore,
…io e te…ad inventare equilibrismi
sulla corda tesa del pudore ma…
con la mente già chiusi in
quella stanza.
Che assurdità quel grattacielo
di morti murati dietro quei marmi
di fiori appassiti e nomi dimenticati.
Ti lasciammo tra i crisantemi gialli
rubati ad un disgraziato tuo vicino
e l’odore di cera e fiori marciti…
andammo via tirando calci ad
una Pepsi
e cantando All along the watch
tower…
cantavamo forte per non piangere,
forse,
..io non ho pianto…ma,…
una volta tornato in quella stanza,
ho passato la notte alla finestra,
tutta la notte a guardare
il fumo leggero della Marlboro
che mi bruciava gli occhi
e lo scorrere lento dei vagoni.
(P. Welby, 

 

All Along The Watchtower 
dalla raccolta -Natiche Sadiche-)

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 

 

 

 


10 agosto 2008

Testamento Biologico -Ricordando Piero Welby

Oggi su La Voce di Romagna.
-----------------------------
Subject: RICHIESTA DI S.O.S A TUTTI I NAVIGANTI

…se un medico vi dicesse
lei ha una malattia incurabile e le resta poco da vivere però: …noi potremmo farle un buco in pancia (gastrostomia) per poterla alimentare, poi le praticheremo un foro nel collo (tracheostomia) per permetterle di respirare, le introdurremo un tubicino nell’uretra (catetere vescicale) per consentirle di urinare, una infermiera le svuoterà giornalmente l’intestino…naturalmente dovremo sottoporla a forti terapie antibiotiche per contenere le infezioni causate dai tubi…inevitabilmente dovrà sopportare i decubiti, piaghe dolorose che corrodono la carne fino all’osso…però, lei potrà vivere anche un anno o più!
…se un medico vi dicesse:
lei ha una malattia incurabile e le resta poco da vivere però: …noi potremmo ridurre le sue sofferenze al minimo e, su sua richiesta, procurarle una morte indolore, purtroppo la scienza ha i suoi limiti…

DA QUALE MEDICO VORRESTE ESSERE CURATI?

P.Welby Mer 29 Mag 2002 13:38

Carissimo comandante Piero Welby.
Ovunque tu sia in navigazione vorrei dedicarti un mio intervento su questo giornale, dove hai più volte scritto.
So per certo che, prima di lasciarci, hai spento il tuo computer, cancellando tutta le mailing presenti, ma io, in tuo ricordo, non l'ho fatto e da tutta la nostra corrispondenza (più di 1000 lettere) ora ho richiamato la tua richiesta-quesito, del 29 Maggio 2002, per offrirla ai lettori de La Voce.
In questi mesi, dietro la scia della barca senza skipper, di Eluana Englaro, si sono messi opinionisti, politici, religiosi....che hanno ripreso con nuovo vigore a disquisire sulle pene degli altri, a portare acqua davanti alle chiese, mentre "amici", noti avvocati, si sono posti alcuni dubbi, immaginando, questa povera ragazza, diventata donna in stato vegetativo permanente, felice perchè forse sta sognando.
Spesso, in questi 4 anni, ad ogni ora, mentre discutevamo su tutto, ti ho ringraziato di avermi fatto temere di meno la Morte mentre tu continuavi, con il tuo solo abile dito ad amare la Vita.
La Morte, mi dicevi, fa parte della Vita, però di una Vita che vale di essere vissuta.
Come è possibile che molti siano ostili al Testamento Biologico, filosofeggiando ottimamente, per concludere da dove erano partiti così: "chi ci dice che il paziente (senza nome) una volta intubato, forato, cateterizzato, clisterizzato, antibiotato desideri veramente staccare la spina"?
Proprio oggi su un noto quotidiano nazionale vi sono due intere pagine che parlano di "Hospice, dove si sceglie come e quando morire".
Questa inchiesta ha contributo a chiarire, ancora di più, che il malato è uno di noi, che è costretto, purtroppo, ad isolarsi dal branco, dalla moltitudine che cammina sulla battigia, che passeggia in centro, che si reca alla partita, che conduce una vita di relazione autonoma.....sto parlando del "malato quello vero" non di colui che teme di esserlo ma quello che è stato colpito da una malattia degenerativa o tumorale.
Questo nostro amico, siamo tutti convinti che aspiri di soffrire il meno possibile, pensando in ogni ora del giorno e della notte al progredire della sua malattia, all'analisi dei sintomi che, gradualmente, ad esempio, gli faranno perdere l'uso della parola e della deglutizione anticamera del soffocamento.
Questo malato non merita di trovarsi nell'incubo costante di sentirsi privato di decidere della sua dignità, di non poter preparare, in tempo, le valigie, di temere di poter diventare oggetto di "accanimento terapeutico".
"Negli Hospice non ci sono nè sondini per l'alimentazione forzata, nè respiratori, tutto questo se non richiesto è accanimento terapeutico. Le cure sono per ridurre i sintomi, il dolore, la sofferenza anche psicologica, rasserenare nel momento terminale. O per aiutare chi terminale non è, ma non è più curabile."
Un Hospice sarebbe andato bene anche per te, caro Piero Welby?
Sono sicurissimo che non ne hai mai sentito il bisogno, perchè eri ottimamente curato in famiglia e come tante altre persone, fortunate(?), chiedevi solo di poter avere, tu essere inanimato, quando la fatica di vivere sarebbe diventata insopportabile, un medico che ti tranquillizzasse nel momento finale del tuo Hospice domestico.
Sempre di più le persone vogliono decidere "come morire".
Anche uno dei più grandi Papi della storia, con il quale tanti di noi hanno potuto con-vivere parte della propria vita, ha deciso come morire non accettando l'accanimento terapeutico, il rischio di trovarsi in uno stato vegetativo dove il sogno poteva trasformarsi in incubo!
Chi è colpito da forme inguaribili e progressive chiede, spesso, solo di essere tranquillizzato di non trovarsi nell'ansia del soffocamento e dell'eventuale coma e possibile stato vegetativo permanente!
Se il paziente riesce a trasmettere agli altri, in modo chiaro e sicuro, le sue volontà, un suo testamento biologico, allora, spesso, la sua vita si allunga.
Si è verificato per il mio amico Luca Coscioni che alla fine rifiutò il terrore della tracheotomia e ancora di più per il mio comandante Welby che la tracheotomia l'aveva sperimentata.
Ha perfettamete ragione chi gestisce gli Hospice quando afferma che "Una fine vita coccolati accresce il desiderio di continuare a sperare".
Però, subito dopo, penso a Nuvoli, ammalato terminale di SLA, che, pur manifestando, più volte, il desiderio di lasciarci, è stato costretto a togliersi la vita con il "digiuno" e la "sete" a causa di un grave vuoto legislativo.
Un tempo, in assenza di queste incredibili macchine biotecnologiche, che consentono agli apparati del corpo di funzionare, spesso i nostri anziani, quando tutta la famiglia riceveva la diagnosi infausta del medico di famiglia, smettevano di mangiare e di bere sapendo che con il digiuno si arrivava in poco tempo alla morte in uno stato di torpore da inèdia associato a liberazione di endorfine.
Se vogliamo che ciò avvenga "buon digiuno a tutti"
Sergio Giordano

Grazie Sergio

Mina la vivandiera della nostra Zattera



sfoglia     luglio        settembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



PORTE CHIUSE
ASSOCIAZIONE LUCA COSCIONI
RADIO RADICALE
COSTITUZIONE REP.ITALIANA
DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI
DIRITTI FONDAMENTALI EU
CONVENZIONE DI OVIEDO
STATUTO DI ROMA CORTE PENALE INTERNAZIONALE
CONVENZIONE ONU DISABILI E LEGGE DI RATIFICA
NUOVI AUTORI
EMMA BONINO
MARIA ANTONIETTA
RADICALI CATANIA
ANTONIO VIGILANTE
LUCA PULINO
DIRITTO
QUADERNI RADICALI
LEGGE 40
NON C'E' PACE SENZA GIUSTIZIA
NESSUNO TOCCHI CAINO
DARFUR
CHIARA LALLI
ANDREA
LIBERALETTURA
malvino
Miss Welby
UILDM
AAAAAPOESIA
METASIA
ISAAC-Comunicazione
Pubbliaccesso
SIAE
TEMPO-MEDICO
CITTADINANZA ATTIVA
TASTIERA VIRTUALE
SUTTORA
VALERIA MANIERI
VIVERE&MORIRE


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom