.
Annunci online

  Calibano [ TERMOVALORIZZATORE DI FOSSILI ONIRICI ]
         

   

                GLI EDITORIALI

       DEL CALIBANO

   (PIERGIORGIO WELBY)

Io amo la vita: la storia di Piero e Mina Welby - trailer

 

      

http://www.ibs.it/code/9788876153372/welby-piergiorgio

-lioce/ocean-terminal.html  - 15%

in e-book a € 7.49

Un vero regalo di Natale!  

               

 http://www.desistenzaterapeutica.it/


 

Welby Un atto di giustizia
Riccio Disinformazione medica e

vigliaccheria politica

  http://testamentobiologico.
ilcannocchiale.it/?r=151504

Riproduci   vivavoce230708
 

            

                  
       Radical italiani
     www.ignaziomarino.it

Il grande fratello 
dei falchi pellegrini e non solo


 

Album di Aria e Vento 2007


Vestivamo alla
marinara 2006
(copyright by Welby)

       
   
Sostieni il progetto di AMREF in SUD SUDAN
con AGIRE per l'AFRICA »      





un sorriso
contro la violenza

azione blog iniziata da
Galatea


L'onore dipende spesso
dall'ora che segna l'orologio.
Guillaume Apollinaire
------------------------------------


Calibano: la terra, il fango,
le viscere, la passione cieca,
l'incognito, il caos, la paura,
il talento primordiale, virile,
erotico che spesso vibra di febbre
e non ha bisogno di luce né di parola.
La carne, l'anima, lo spirito insieme
in un ultimo viaggio; prima della
separazione, della libertà di scegliere
un nuovo luogo, un nuovo corpo da
,o dove addormentarsi, come
dice Ariel, sotto un fiore



-------------------------------------
 
IL MARATONETA
  LUCA COSCIONI
    scarica il libro
-------------------------------------
http://www.radio.rai.it/radio
3/lastoriaingiallo/archivio_
2007/audio/storia_giallo2007
_09_22.ram



Audiolibri per nonvedenti

e ipovedenti
http://www.libroparlatolions.it/




Medici Senza Frontiere
               
                
  
       Un momento del V-Day 2007 a Bologna

       "Amore civile" - Nuove forme 
     di convivenza e relazioni affettive


logo EDF / logo FEPH
 

 

         HandyLex
        Superando.it 

        

         

emergenza kenya
      


      
Cristo! come eravamo ridicoli
io e il Nuvola mentre seguivamo
il furgone mortuario del Comune
…ti saresti divertita, cazzo!…
noi sulla circonvallazione
a cambiare la candela sporca
e la tua bara grigio topo gettata
nel cimitero di Prima Porta
…ti saresti divertita, cazzo! …
così come ti divertivi da sballo
a fare l’autostop sulla Colombo
per rubare una giornata alla
disperazione
e sbatterla sulla spiaggia di
Capocotta….
…io e te…confusi tra gli altri
che lanciavano la loro allegria
sugli asciugamani colorati della
fantasia
…io e te…la sera nel vagone
del treno…
ad assaporarci il sale sulle labbra,
a scandalizzare quelle facce
di cartapesta imbolsite dal sopore,
…io e te…ad inventare equilibrismi
sulla corda tesa del pudore ma…
con la mente già chiusi in
quella stanza.
Che assurdità quel grattacielo
di morti murati dietro quei marmi
di fiori appassiti e nomi dimenticati.
Ti lasciammo tra i crisantemi gialli
rubati ad un disgraziato tuo vicino
e l’odore di cera e fiori marciti…
andammo via tirando calci ad
una Pepsi
e cantando All along the watch
tower…
cantavamo forte per non piangere,
forse,
..io non ho pianto…ma,…
una volta tornato in quella stanza,
ho passato la notte alla finestra,
tutta la notte a guardare
il fumo leggero della Marlboro
che mi bruciava gli occhi
e lo scorrere lento dei vagoni.
(P. Welby, 

 

All Along The Watchtower 
dalla raccolta -Natiche Sadiche-)

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 

 

 

 


27 settembre 2017

UN RICORDO SU LOVE IS ALL

Entrare in una chiesa per me ha da sempre l'effetto come entrare a casa mia. Alla fine spiego il perchè.

Il giorno 1°giugno 2017 entro nella chiesa sconsacrata San Bernardo a Pisa. Ero stata invitata da Livia e Francesco della Santifanti a presentare il docufilm Love is all, autoritratto di Piergiorgio Welby. La musica assordante che accoglie i miei primi passi al primo impatto ha un effetto traumatico di spostamento mio in un luogo non abituale. Un mondo a me sconosciuto. Ma dove mi hanno fatto finire? Che succede? Non sento le parole, qualcosa capisco leggendo dalle labbra di chi mi parla.

Ma guardare gli occhi e sentire stringere le mani con un tatto particolare e cordiale, non superficiale dei soliti presenti e invitati. Di qualcuno, timido, percepisco lo sguardo come una carezza. La mia stanchezza del viaggio cambia in curiosità e aspettativa e la mia naturale capacità di adattamento alle situazioni fa il resto. “Vuoi andare a mangiare qualcosa?” “Mina, vuoi bere qualcosa? Vuoi assaggiare un po' di focaccina?” Ah, sì era buona con del formaggio. “Un goccetto di prosecco?” “meglio di no. Un succo d'arancia è meglio”. “Vogliamo andare a cena?” Non ho più voglia di uscire, mi comincia a piacere l'ambiente spontaneo, dove mi sento considerata alla pari, senza meritarlo.

Le ultime luci del tramonto entrano ancora dai finestroni su in alto sotto la volta affrescata della chiesa sconsacrata di San Bernardo. Sconsacrata? Guardo le immagini sacre, ancora ben conservate della volta, che secoli fa, ma ancora oggi, sono e sono stati il libro dei cantastorie per gli analfabeti. L'arte è rimasta anche oggi l'aratro che scava nei cuori per arrivare alla ragione, al pensiero dell'essere umano e lo rende libero. Quel fiato divino che fu alitato in Adamo, rappresentante dell'umanità, è diventato fiato di creatività per tutte le arti e le scienze, musica, poesia, pittura, scultura, ricerca, da cui trae tutto origine. Quel fiato sacro che è in tutti noi buoni o cattivi che siamo. Quel fiato sacro, molto rumoroso che riempie la chiesa sconsacrata la riconsacra diversamente alla vita e con la vita di chi c'è, respira, parla, canta, danza, si muove, pensa in libertà.

Insomma vita è libertà.

Il ricordo di Piergiorgio in questo luogo ha un significato speciale, che mi è difficile descrivere, lo sento ancora profondamente. Già da bambina e poi da studente la chiesa fu sempre luogo di ispirazioni. Un luogo di silenzio dove portavo i miei rumori interiori e metterli in ordine. Dove mi sentivo libera. Poi la chiesa era diventata la nostra casa, la casa di Piergiorgio e mia. Un tempio delle varie Muse, di Dio, della Libertà.




13 giugno 2010

Che cosa è poesia?

 

“…………………………………..
…………………………..
……………………………………
………………..
……………………………………………”
 
                                                          …….   …..
 
Non ti meravigliare se di questa lirica è rimasto soltanto un albero spoglio, consonanti e vocali, aggettivi e sostantivi, verbi e avverbi sono stati soffiati via dal vento critico di un’analisi filosofica senza pretese e priva di scopo.
Se si trattasse di pittura ti direi che non voglio parlare dell’eterno contrasto tra forma e colore, tra misura classica e irruenza romantica, ti direi invece che non del quadro voglio parlarti…ma della cornice.
Ti parlerò, così, non del contenuto ma del contenitore.
Che cosa è poesia? Proviamo a dire ciò che poesia non è; non è arte se per arte assumiamo come vera (e perché no?) la definizione che ne fa Aristotele, arte è produrre cose massimamente adatte al loro scopo, un calzolaio che produca scarpe adattissime alla deambulazione è un artista. Non è verità, Platone e Aristotele su questo sono categorici, la verità è affermare ciò che è e negare ciò che non è, ed  tale se è condivisa da tutti o almeno da una maggioranza ed è noto che gli estimatori di un poeta sono , di solito, meno dei noti cinque lettori ai quali si rivolgeva il Manzoni. Non è letteratura, perché la letteratura è soprattutto mìmesis, imitazione della realtà e discende dalla retorica sofista diventando via via, cronaca, annales, biografia, vitae, specie sotto Marco Aurelio, poi disinvolto racconto, novella, critica sociale, introspezione, evasione. La poesia non imita, crea, non supporta il reale ma dà forma al nulla, sollecita non suggerisce, ipotizza non teorizza. Ci vorrebbe appassionati quando ancora non lo siamo, interessati quando siamo distratti, partecipi quando siamo elusivi, riflessivi quando siamo vittime dell’impazienza, se infine riusciamo ad essere tutto ciò la poesia non ha più nulla da dirci; noi siamo la poesia stessa, il nostro pensare e il nostro agire è diventato poesia. 
Se l’attività umana di far passare le cose dall’essere al non essere è per Platone anthropìne tèchne (tecnica umana) essa non riguarda la poesia, forse il poetare si avvicina di più all’attività di far passare la natura dal non essere all’essere, e questo far passare, dice Platone è théia téchne (tecnica divina). Ma se traduciamo poìesis, come fa Platone nel Convivio, in azione, produzione e lo uniamo al termine poesia, allora la poìesis è si ciò che fa passare le cose dal non essere all’essere, ma tutte le azioni, ergasìai, sono produzioni, e sono produzioni anche tutte le téchnai messe in opera dai demiourgòi, dai facitori, quindi se tutto è poesia, niente è poesia. Ma la poesia esiste. Hugo von Hofmannsthal definisce il poeta come un uomo che insegue i propri sogni, sensazioni soggettive, quindi stati d’animo incondivisibili, nulla ha da dire, nulla ha da trasmettere. Eppure Freud e Jung e tutta la psicoanalisi ci hanno insegnato che il sogno ha la caratteristica di parlarci in una lingua comune a tutta l’umanità, allora la poesia diventa il linguaggio della psicanalisi, non è quello che dice di essere, è altro da sé, torniamo a constatare che essa non esiste perchè non possiamo definirla, se non esiste è , allora, solo apparenza, convenzione, simbolo, simulacro, una pizia delusa e deludente nella quale nessuno più crede. Se l’uomo fosse solo ragione tutto ciò sarebbe vero, ma l’uomo è soprattutto passione ed è per questo che la poesia esiste.
La poesia si sottrae ad ogni definizione, limitazione, perché essa , fondamentalmente, dice l’indicibile, definisce l’indefinibile, dà oggettività al soggettivo, non ha bisogno di essere pubblicata, letta, condivisa, può essere riconosciuta e apprezzata, come ignorata e negletta, ma sarà sempre poesia e cioè il tentativo inesaurito e inesauribile di dare, con le parole ed i suoni che nascono dai loro accostamenti, una cornice, un confine, di circoscrivere, insomma, quel cono d’ombra che chiamiamo vita.   
                                                                                                       
 Lettera a un amico, venerdì 8 gennaio 1999 di P. Welby
 
 


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. poesia arte vita ragione

permalink | inviato da Mina vagante il 13/6/2010 alle 8:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     giugno       
 


Ultime cose
Il mio profilo



PORTE CHIUSE
ASSOCIAZIONE LUCA COSCIONI
RADIO RADICALE
COSTITUZIONE REP.ITALIANA
DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI
DIRITTI FONDAMENTALI EU
CONVENZIONE DI OVIEDO
STATUTO DI ROMA CORTE PENALE INTERNAZIONALE
CONVENZIONE ONU DISABILI E LEGGE DI RATIFICA
NUOVI AUTORI
EMMA BONINO
MARIA ANTONIETTA
RADICALI CATANIA
ANTONIO VIGILANTE
LUCA PULINO
DIRITTO
QUADERNI RADICALI
LEGGE 40
NON C'E' PACE SENZA GIUSTIZIA
NESSUNO TOCCHI CAINO
DARFUR
CHIARA LALLI
ANDREA
LIBERALETTURA
malvino
Miss Welby
UILDM
AAAAAPOESIA
METASIA
ISAAC-Comunicazione
Pubbliaccesso
SIAE
TEMPO-MEDICO
CITTADINANZA ATTIVA
TASTIERA VIRTUALE
SUTTORA
VALERIA MANIERI
VIVERE&MORIRE


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom