.
Annunci online

  Calibano [ TERMOVALORIZZATORE DI FOSSILI ONIRICI ]
         

   

                GLI EDITORIALI

       DEL CALIBANO

   (PIERGIORGIO WELBY)

Io amo la vita: la storia di Piero e Mina Welby - trailer

 

      

http://www.ibs.it/code/9788876153372/welby-piergiorgio

-lioce/ocean-terminal.html  - 15%

in e-book a € 7.49

Un vero regalo di Natale!  

               

 http://www.desistenzaterapeutica.it/


 

Welby Un atto di giustizia
Riccio Disinformazione medica e

vigliaccheria politica

  http://testamentobiologico.
ilcannocchiale.it/?r=151504

Riproduci   vivavoce230708
 

            

                  
       Radical italiani
     www.ignaziomarino.it

Il grande fratello 
dei falchi pellegrini e non solo


 

Album di Aria e Vento 2007


Vestivamo alla
marinara 2006
(copyright by Welby)

       
   
Sostieni il progetto di AMREF in SUD SUDAN
con AGIRE per l'AFRICA »      





un sorriso
contro la violenza

azione blog iniziata da
Galatea


L'onore dipende spesso
dall'ora che segna l'orologio.
Guillaume Apollinaire
------------------------------------


Calibano: la terra, il fango,
le viscere, la passione cieca,
l'incognito, il caos, la paura,
il talento primordiale, virile,
erotico che spesso vibra di febbre
e non ha bisogno di luce né di parola.
La carne, l'anima, lo spirito insieme
in un ultimo viaggio; prima della
separazione, della libertà di scegliere
un nuovo luogo, un nuovo corpo da
,o dove addormentarsi, come
dice Ariel, sotto un fiore



-------------------------------------
 
IL MARATONETA
  LUCA COSCIONI
    scarica il libro
-------------------------------------
http://www.radio.rai.it/radio
3/lastoriaingiallo/archivio_
2007/audio/storia_giallo2007
_09_22.ram



Audiolibri per nonvedenti

e ipovedenti
http://www.libroparlatolions.it/




Medici Senza Frontiere
               
                
  
       Un momento del V-Day 2007 a Bologna

       "Amore civile" - Nuove forme 
     di convivenza e relazioni affettive


logo EDF / logo FEPH
 

 

         HandyLex
        Superando.it 

        

         

emergenza kenya
      


      
Cristo! come eravamo ridicoli
io e il Nuvola mentre seguivamo
il furgone mortuario del Comune
…ti saresti divertita, cazzo!…
noi sulla circonvallazione
a cambiare la candela sporca
e la tua bara grigio topo gettata
nel cimitero di Prima Porta
…ti saresti divertita, cazzo! …
così come ti divertivi da sballo
a fare l’autostop sulla Colombo
per rubare una giornata alla
disperazione
e sbatterla sulla spiaggia di
Capocotta….
…io e te…confusi tra gli altri
che lanciavano la loro allegria
sugli asciugamani colorati della
fantasia
…io e te…la sera nel vagone
del treno…
ad assaporarci il sale sulle labbra,
a scandalizzare quelle facce
di cartapesta imbolsite dal sopore,
…io e te…ad inventare equilibrismi
sulla corda tesa del pudore ma…
con la mente già chiusi in
quella stanza.
Che assurdità quel grattacielo
di morti murati dietro quei marmi
di fiori appassiti e nomi dimenticati.
Ti lasciammo tra i crisantemi gialli
rubati ad un disgraziato tuo vicino
e l’odore di cera e fiori marciti…
andammo via tirando calci ad
una Pepsi
e cantando All along the watch
tower…
cantavamo forte per non piangere,
forse,
..io non ho pianto…ma,…
una volta tornato in quella stanza,
ho passato la notte alla finestra,
tutta la notte a guardare
il fumo leggero della Marlboro
che mi bruciava gli occhi
e lo scorrere lento dei vagoni.
(P. Welby, 

 

All Along The Watchtower 
dalla raccolta -Natiche Sadiche-)

 

Registra il tuo sito nei motori di ricerca

 

 

 

 


17 agosto 2009

IN GALERA! - AMNISTIA!

Amnestia subito! tanto è una continua silenziosa amnistia clandestina e gli italiani non lo sanno.
Poi, per cominciare: Prima di tutto una migliore legge per le famiglie, retribuzione giusta e quando si perde il lavoro ammortizzatori "veri" non finti e sulla carta.
Alle madri 1000€ al mese specialmente se ci sono anche anziani e disabili in famiglia. (e poi ci si lamenta che gli italiani non fanno figli!)
Altro che programma di sicurezza - migliore politica sociale!
Poi
1) niente carcere cautelare, pagare cauzione;
2) chi è condannato ed è in galera: lavoro retribuito. I galeotti hanno spesso anche famiglia, 
    donne con figli in case famiglia, non in galera oppure domiciliari,

3) in semilibertà vigilata lavoro che possa continuare quando esce a pena scontata,
4) chi si rende colpevole di reati del traffico, anche gravi, lavoro accanto a disabili gravi
    per incidenti per far capire cosa significa, ancora prima del processo.
5) tossicodipendenti in case famiglia dove lavorano e si sottopongono a terapia.
    Basta? o si può aggiungere altro?




15 agosto 2009

UNA LETTERA E MIA RISPOSTA


Sono uno studente ......Iscritto PD dal giorno prima delle dimissioni di Veltroni ho votato, pur essendo indeciso tra la Lista Bonino e il partito di cui ho la tessera, quest'ultimo. Mentre molti miei amici hanno preferito la vostra lista (molti giovani, avete preso i voti di molti giovani !!!). So che i radicali non contano nulla (in termini di posti nei consigli regionali, in Parlamento), ma muovono più di un partito del 51% !!! Siete dinamismo e voglia di cambiamento, e lo siete da prima che la parola cambiamento andasse di moda. Volevo scriverLe che mi sono pentito. Pur conoscendo l'impegno dimostrato in Europa dalla Lista e il dis-impegno (spesso) degli euro-parlamentari PD (spesso assenti e irrilevanti) ho votato in base alla situazione nazionale. Mi son fatto fregare il voto. Ho votato contro il Popolo delle Libertà per dimostrare che sono contro il governo. Volevo incoraggiarla ad andare avanti e ringraziarla per le sue lotte di libertà. Resto del PD (qui a .... siamo in minoranza ovunque, siamo meno del 20%, in alcuni Comuni siamo il 6-8%, quasi come voi e ci stiamo abituando a trovare modi alternativi di fare azione politica, a contare senza sedie) ma le dico che la prossima volta che scenderà in campo, in qualunque lista sarà candidata, avrà il mio voto (se il collegio elettorale me lo permetterà) .
Grazie per tutto !!!
Samuel


Caro Sam,
 
forse proprio la tua consapevolezza della forza dei radicali è un guadagno in più anche per noi radicali e grande gioia per me personalmente. Mi permetto di girare questo carteggino in copia a Marco Pannella che sarà felice sentire un giovane professare queste convinzioni. Fai bene a restare del PD. Io ho preso la tessera anche del PD. Da decenni un Partito Democratico vero è il sogno di Marco. Ho trovato nuove forze anche in questo partito che potrebbero cambiarvi il corso stantìo, l'apertura verso altri partiti di sinistra, a una politica dal basso, all'attenzione vera verso la società civile, per una politica europea, euro-mediterranea e molto altro. Se ascolti Radio Radicale troverai molte di queste notizie. Anche la candidatura per segretario PD di Ignazio Marino, che io sostengo, potrebbe, anche non vincendo, portare molte novità nel PD.
Sai, Sam, la nostra, dei radicali, forza è la tenacia, la nostra continua vigilanza sulle imprese iniziate e non demordere prima di non esserci riusciti a raggiungere l'obiettivo. Non bisogna stancarsi. Pannella è un montanaro, anch'io lo sono e so che quando si va in salita, spesso viene il fiato corto, si diventa stanchi, ma c'è sempre un compagno che con il suo entusiasmo ti spinge e non sei mai solo. Noi non abbiamo una politica contro qualcuno o qualcosa, ma "per" un obiettivo preciso e grande che vale la pena raggiungere. Paghiamo tutto di persona. Siamo pochi, pochissimi, ma convinti. Ti confesso semplicemente che proprio nei radicali ho trovato il modo di espletare fino in fondo il comandamento "ama il prossimo tuo come te stesso", che per me significa rispettare fino in fondo i diritti umani e civili.
Ti ringrazio della tua dichiarazione di voto per la prossima occasione. Spero che si possa arrivare a un voto maggioritario uninominale, dove il voto vada non più ai nominati, ma al candidato. Stiamo lavorando per questo. Leggiti la Peste Italiana su www.radicali.it e la Mozione generale dell'ultimo Comitato nazionale
Chianciano Terme, 30 giugno 2009. Lavora con noi. Puoi anche iscriverti. Avremo occasione di vederci.
Intanto ti saluto e a presto, per farci forza
Mina Welby




13 agosto 2009

ORA DI RELIGIONE

Quando ho cominciato a sei anni a frequentare la scuola non si insegnava il catechismo a scuola. Due volte la settimana il parroco riuniva tutti noi bambini in età scolare nella sala parrocchiale e ci insegnava il catechismo. Io avevo appena cinque anni. A scuola non entrava l'insegnante di religione. Stavamo stretti in quella sala. La lezione era differenziata per quelli piccoli che si preparavano per la prima comunione e per quelli più grandi. C'era un gran silenzio e tutti eravamo molto attenti. Ricordo molto bene che nei "peccati" c'entravano anche le torture agli animali e l'incuranza per i posti che si frequentava nella natura. Insomma non solo il rispetto verso i simili, ma anche per tutto il mondo che ci circonda.
Cosa si insegni oggi nell'ora di religione nelle scuole, non so. Sarebbe più utile sostituire quest'ora di religione con un'ora di educazione civica. I genitori che vogliono dare educazione religiosa al figlio hanno la possibilità di fargli frequentare l'oratorio della parrocchia. Ci sono anche ragazzi che non vengono educati seguendo una fede. Credo che dando la libertà di scegliere e non di costringere anche la chiesa darebbe un grande esempio di rispetto e di vera carità verso tutti. Dovrebbero essere i cittadini ad appellarsi al TAR se credono che vengano defraudati da diritti che loro spettano. Il ministro Gelmini dovrebbe curare l'educazione dei cittadini e non i rapporti tra Chiesa e Stato.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. scuola religione educazione civica

permalink | inviato da Mina vagante il 13/8/2009 alle 8:3 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa



9 agosto 2009

SESSUALITA' IN OSTAGGIO?

Nelle antiche culture il femminile era il principio di ogni vita. Ricordo le innumerevoli divinità femminili, con i loro vari significati. Nei primi secoli, forse per “abbreviare” il contatto con l’Assoluto, i Padri della Chiesa demonizzarono la natura e in particolare tutto quello che ricordava l’accattivante femminino. Quello che nelle culture primordiali elevava all’amore, fungeva da equilibrio nella comune crescita di uomo e donna fu demonizzato. Si ottenne un controllo delle menti, portando però uno squilibrio nel rapporto degli esseri umani. Le donne furono caricate di colpe che non avevano. Ricordiamo i processi alle streghe, dove venivano falcidiate belle ragazze anche solo per il loro fascino. Si trovano dei libri importanti su questo tema. Anche se nel cammino dei secoli la donna è riuscita a ritagliarsi degli spazi importanti nella storia, non è riuscita ad avere tuttora lo spazio che le spetta. Le pulsioni sessuali erano viste per secoli come cosa sporca, degradante, peccaminosa. Ancora oggi la sessualità per la Chiesa è strumento procreativo. Nel Concilio Vaticano Secondo è considerata anche come elemento di crescita della persona, ma anche lì con regole ferree che impongono ai propri fedeli di considerare lo scopo della procreazione nel loro rapporto con la sessualità. La chiesa non ha paura del corpo, ma la demonizzazione delle nostre pulsioni, indici di vita, rendono l’uomo schiavo di precetti




5 agosto 2009

DIMENTICANZA...





Qualcosa

Mi sfuggiva

Ed io

Per inseguirla

Dimenticavo

Di vivere

P. W.


Tag inseriti dall'utente. Cliccando su uno dei tag, ti verranno proposti tutti i post del blog contenenti il tag. foto poesie

permalink | inviato da Mina vagante il 5/8/2009 alle 23:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


sfoglia     luglio        settembre
 


Ultime cose
Il mio profilo



PORTE CHIUSE
ASSOCIAZIONE LUCA COSCIONI
RADIO RADICALE
COSTITUZIONE REP.ITALIANA
DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI UMANI
DIRITTI FONDAMENTALI EU
CONVENZIONE DI OVIEDO
STATUTO DI ROMA CORTE PENALE INTERNAZIONALE
CONVENZIONE ONU DISABILI E LEGGE DI RATIFICA
NUOVI AUTORI
EMMA BONINO
MARIA ANTONIETTA
RADICALI CATANIA
ANTONIO VIGILANTE
LUCA PULINO
DIRITTO
QUADERNI RADICALI
LEGGE 40
NON C'E' PACE SENZA GIUSTIZIA
NESSUNO TOCCHI CAINO
DARFUR
CHIARA LALLI
ANDREA
LIBERALETTURA
malvino
Miss Welby
UILDM
AAAAAPOESIA
METASIA
ISAAC-Comunicazione
Pubbliaccesso
SIAE
TEMPO-MEDICO
CITTADINANZA ATTIVA
TASTIERA VIRTUALE
SUTTORA
VALERIA MANIERI
VIVERE&MORIRE


Blog letto 1 volte

Feed RSS di questo blog Rss 2.0
Feed ATOM di questo blog Atom