Blog: http://Calibano.ilcannocchiale.it

l'amico mio ha cinque voci

a p. w.

l'amico mio ha cinque voci,
tutte bellissime, tutte

la prima è cupa come
il lattescente ossesso che si spande
dal giglio che marcisce,
è cupa dunque come
lo sdegno d'un contralto

la sua seconda voce è nervo,
purissimo nervo in cocca,
potrei qui ridarla in un null'altro ,
e invece è rumor bruno,
qualcosa ch'urta contro canna di fucile,
contro scafandro in ghisa

non vi scandalizzate, signori,
la terza voce del mio amico
è virilmente femmina,
canta, lavando, e canta
una tremanda ira da ladymacbeth

la quarta voce del mio amico
è bella, bella, bella,
non so se la più bella di tutte,
perchè davvero non saprei tra quelle,
ma è bella almeno in modo diverso,
voce senza parole
e di parole un fitto pulviscolo,
chessò, fittissimi sciami d'api

l'ultima voce del mio amico, la quinta,
è voce che m'azzarderei a dire
voce di fratello,
biconcava tra biconvesse voci,
i sillabare puttanissimi di un forum,
la sola voce cui è concesso
di dirmi
amico mio,
sei proprio una mezza merda 

castaldi

Pubblicato il 14/10/2007 alle 22.37 nella rubrica POESIE .

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web