Blog: http://Calibano.ilcannocchiale.it

SCIOPERO DELLA FAME DI DISABILI GRAVI

E sono diventati 28. Ecco una breve cronistoria:
L’11 marzo un gruppo di 5 disabili gravi aveva cominciato lo sciopero della fame e l’autoriduzione dei farmaci in protesta contro la mancata o del tutto inadeguata assistenza da parte delle Aziende sanitarie locali. Ad oggi, 23 marzo, come scrive il Corriere della sera il numero degli scioperanti è salito a 25. La sera della domenica di Pasqua, 23 marzo si aggiungono altri tre, come vedo nella nota sul sito
www.salvatorecrisafulli.it
Per la maggior parte sono sparsi nel sud della nostra penisola.
Il 20 marzo ricorreva la Conferenza Stato-Regioni dove dovevano essere rinnovati i LEA livelli essenziali di assistenza oltre alla approvazione del nuovo nomenclatore tariffario sull'elenco dei sussidi ortopedici e le tecnologie di comunicazione, scaduto da nove anni.
Nel comunicato si parla anche dello sciopero della fame di persone in stato vegetativo da molti anni. Nessuno può costringere a nulla una persona incapace ad esprimersi. Sarebbe veramente criminale. Spero siano, semmai, i parenti a scioperare.
Servono urgenti controlli sul territorio e un'indagine sullo stato dei fatti regione per regione, comune per comune. L'assistenza è delegata ai comuni.

Pubblicato il 24/3/2008 alle 18.48 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web