Blog: http://Calibano.ilcannocchiale.it

AUTODETERMINAZIONE DEL PAZIENTE

 

 http://www.radio.rai.it/player/player.cfm?Q_CANALE=http://www.radio.rai.it/radio1/radioanchio/archivio
_2008/audio/radioanchio2008_10_01.ram


26/04/2005

TESTAMENTO BIOLOGICO

Ascolta la puntata Ascolta


Anche la CEI vuole una legge sulle dichiarazioni anticipate di trattamenti sanitari? No.
La CEI vuole una legge che non rispetti l'autodeterminazione del paziente.
La CEI  detta ai politici di fare una legge contro la Costituzione. Sì.
Il medico deve decidere cosa fare se il paziente è incapace. Si può imporre contro la volontà del paziente incapace. Può opporre l'obiezione di coscienza al paziente vigile in insufficienza respiratoria e con patologia ad esito infausto che chiede di non essere tracheostomizzato e lasciato morire in quanto sarebbe unicamente una protrazione di agonia.
Perchè tanta paura della morte? Non è forse l'inizio di una nuova vita? (almeno per chi ci crede).
I miei amici atei sono più distaccati.  Sondino nasogastrico e Peg non saranno più pratiche mediche straordinarie e quindi non si possono rifiutare.
------------------------------------------------------------

Da tellusfolio.it                                                     1 ottobre 2008
Oggi inizia, in sede referente della Commissione Igiene e Sanità al Senato, una discussione di ampio interesse pubblico sulle proposte legislative in materia di testamento biologico. Grazie al Regolamento vigente, che all'art. 33 dispone che le sedute non siano pubbliche quando si riuniscono in sede referente, questo dibattito si terrà in maniera clandestina, a porte chiuse, con buona pace del legittimo interesse a “conoscere per deliberare” e dell'auspicabile controllo da parte dei cittadini elettori sull'operato di quanti da loro eletti a ricoprire il mandato parlamentare.

Da queste considerazioni nasce la proposta di modifica dell'art. 33 del Regolamento del Senato che ho presentato con i senatori Emma Bonino e Marco Perduca, per rendere possibile la pubblicità e la trasparenza anche delle sedute delle Commissioni in sede referente. Il divieto di pubblicità sarebbe così abolito e la diffusione assicurata tramite trasmissioni audiovideo e la pubblicazione dei riassunti e resoconti stenografici delle sedute.

Donatella Poretti
Qui il testo della proposta di modifica e relativa relazione di presentazione

Pubblicato il 1/10/2008 alle 23.29 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web