Blog: http://Calibano.ilcannocchiale.it

"SAN"FERRAGOSTO

 

Cari amici, forse vi aspettavate in questi giorni di relax qualche piccolo post divertente. I miei amici e compagni Radicali oggi, domani e il giorno di "San" Ferragosto vanno a visitare le carceri italiane. Io non ho dato la mia disponibilità, ritenendo altri più capaci di me a individuare e rendere pubbliche le gravi situazioni a causa del sovraffollamento nelle case circondariali.
Vorrei almeno con delle semplici considerazioni rendervi partecipi delle mie riflessioni.
SAN FERRAGOSTO? semplicemente perchè coloro che visitano le carceri santificano il Ferragosto davvero.
Sovraffollamento: credo che ci sarebbero dei modi per trovare dei rimedi.
Mi sto domandando spesso a cosa serva l’arresto cautelare e se non ci sia un altro modo per “cautelare” il presunto reo e i cittadini intorno a lui.
Perché una persona deve subire la restrizione della propria libertà prima ancora della sentenza definitiva di colpevolezza? Esempio triste di quel cittadino del Marocco, permesso di soggiorno dal 1995, con lavoro regolare, arrestato, in galera attende la sentenza, dichiarato innocente, esce, ma il soggiorno è scaduto e ha perso anche il lavoro, quindi espulso. Nel suo paese come ricomincia? Questa è giustizia?
Se capita a un cittadino italiano la situazione non è migliore. Osservate un po’ quali sono le differenze di percorso secondo a quale classe sociale appartengono quelli che sono incorsi in questa centrifuga perversa.
Ci sono vari esempi di persone indagate, politici, professionisti, mai giudicate, ma comunque colpevoli, perché la pena è caduta in prescrizione. Sono colpevoli impuniti. Avrebbero potuto rifiutare la prescrizione e insistere di essere giudicati, molti, quasi tutti di questa categoria non ha mai fatto un giorno di galera. È giusto?
Un semplice operaio? Tutta un’altra musica. Arrestato: la moglie, i figli guardati con occhi, o compassionevoli che ti umiliano comunque, o con sarcasmo: ben vi sta, rare le persone che sono vicine alla famiglia e fanno coraggio, spesso la fuga degli amici ecc. Poi esce dal carcere e trova il vuoto intorno a sé.
Pene alternative? Non c’è nessuno in questo paese benestante tra noi benpensanti a trovare dei metodi rieducativi al posto della galera?
Perché si deve pensare solo a future costruzioni di nuove carceri? Beh, sì, credo di non sbagliare, ci sono dietro affari e guadagni per costruttori, amici degli amici. Tanto avrei ancora da dire, ma aggiungetelo voi! Solo questo ancora:
Intanto in Italia c’è la pena di morte clandestina, “morire non è davvero uno scherzo”, diceva Welby. Ma, come per lui, anche per chi è ristretto la morte è la fuga verso la libertà. Sono certa che la giustizia oltre la morte non è disumana.

Pubblicato il 13/8/2010 alle 15.6 nella rubrica Diario.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web