Blog: http://Calibano.ilcannocchiale.it

CIAOBONASERA


Ciaobonasera

Ovvero della scelta del paese

Sergio Tatarano

Schena Editore 2014

Si può essere idealisti fino in fondo, quando si vive in un paese? A che prezzo? La provincia ed il paese erano uno stato mentale, più che un numero limitato di strade, piazze e case. Era soltanto, al limite, questione di sopravvivenza. In quel contesto, Ciaobonasera non era un semplice saluto. Serio, trentenne suonato di un paese immaginario del Meridione d'Italia, si barcamena tra delusioni e desideri irrealizzabili, tra passione politica e pochezze quotidiane, in un contesto fatto di miserie umane e vita vera.


“E mise in moto e partirono”. Fa un certo effetto leggere un libro con la sensazione di rivivere un epilogo di una vita che continua in progetto.
In quel di “Favilla” vive un Serio – Sergio - riservato, rigoroso. Quello che racconta di se stesso, del suo vivere in un contesto a lui quasi estraneo, la sento come una proiezione sofferta, ammantata con l’ironia del saggio. Il suo saper guardare dentro i fatti, intuire le dietrologie, dà risalto alla sua figura. Una specie di autobiografia in frammenti, di lavori in corso.
Ho conosciuto Sergio otto anni fa. Ritrovo in "Ciaobonasera" quel grande ragazzo che ama quell’angolo della Puglia. Figlio della sua terra, con profondo senso di responsabilità civile verso quel piccolo mondo che lo circonda. L’anima radicale profondamente radicata, anche per educazione, lo distingue e lo spinge a togliere gramigna e rendere fertile quel terreno per la legalità. Lo riesce a descrivere in modo non autocelebrativo, ma facendo finta di essere impacciato. Un esempio: l’essere tirato per la giacchetta per entrare in politica, in lizza come candidato alle elezioni, gli pone dei dilemmi di autovalutazione di valori personali da mettere in gioco. Ma non riesco a distogliermi la sensazione che è un gioco che fa con il lettore – e prende in giro anche se stesso. Conosce troppo bene quali siano le cose che facciano bene alla sua città, ai suoi concittadini, ma un muro di gomma di scelte sbagliate che si vogliono continuare a perpetuare insieme a lui, lo fa sentire fuori luogo, o meglio, fa finta di esserlo. Non perché sia inadeguato a tener testa a chi lo vorrebbe invischiare nelle faccende illegali e nel lasciar correre, per far finta di essere dalla parte dei cittadini, ma descrive le proprie sensazioni per raccontarci con pennellate vive un certo malcostume che vorrebbe sradicare. Studia delle strategie nuove. Avrà fortuna e successo?
Intanto ha trovato la fortuna di un grande amore, la sua donna per la vita, che nel libro fa solamente apparire furtivamente, per mantenere pulito quell’ambito così personale, ma vitale, che è la forza per tutto ciò che nella vita facciamo.
Ciaobonasera è un libro non facile da leggere, perché bisogna saper leggere tra le righe, per certi versi ne trovo uno studio antropologico – culturale. Sergio fa conoscere e fa vivere il lettore in un racconto sulla propria vita, le luci e le ombre dell’ambiente vissuto. Non dà soluzioni, ma indirettamente invita a riflettere su cosa e come fare per vivere ogni momento.

È del tutto frammentario quello che sono riuscita a dire. La conclusione del libro, appunto che “partirono” mi fa augurare a “Serio e Maria” di continuare insieme per il prossimo libro delle avventure piacevoli, che vorranno condividere con chi ha letto Ciaobonasera e molti nuovi lettori. Testimonianze di vita vera aiutano chi non ha imparato a vivere ad iniziare a farlo e correggere delle impostazioni del timone sbagliate e dannose.
Auguri di cuore!
Mina Welby

Pubblicato il 5/8/2015 alle 12.38 nella rubrica LIBRI.

Il Cannocchiale, il mondo visto dal web